20 mars 2008

omaggio a chiara lubich

La scelta dell’impegno politico è un atto d’amore. Con esso il politico risponde ad un’autentica vocazione, ad una chiamata personale. Egli vuol dare risposta ad un bisogno sociale, ad un problema della sua città, alle sofferenze del suo popolo, alle esigenze del suo tempo. Chi è credente avverte che è Dio stesso a chiamarlo attraverso le circostanze. Il non credente risponde ad una domanda umana, che trova eco nella sua coscienza. Ma, in fondo, è sempre l’amore che entrambi immettono nella loro... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 20:13 - Commentaires [0] - Permalien [#]

16 mars 2008

pentecoste in africa

pente coste 2008 Mozambico, Nampula. Domenica di pentecoste. La processione di entrata nella cattedrale di Nampula é una lenta, solenne, immersione in un’enorme folla nera. Riempie tutta la vasta cattedrale di stile coloniale. Volti neri, allineati, fittissimi, con gente in piedi alle tre porte di entrata. Cantano tutti in portoghese, ma il loro volto é di un bel colore ebano-scuro, africano. I tamburi colorano ancor meglio l’atmosfera, ricordando che l’Africa é madre del ritmo... Si avanza... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 19:50 - Commentaires [0] - Permalien [#]
15 mars 2008

Ricordando volti indimenticabili

volti  indimenticabili…  “Il vero viaggio di scoperta, non è tanto cercare nuove terre, quanto piuttosto avere uno sguardo nuovo”  (Proust). Esperienza spirituale presso il monastero trappista di Midelt (Marocco) con i monaci di Tibirhine  Gabriele, spagnolo, anzi basco, vecchio avvocato, da vent’anni collaboratore di Madre Teresa di Calcutta, passa qualche giorno al monastero trappista di Midelt. Vi é come di casa. Mi mostra il passaporto di appena due anni: già... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 09:45 - Commentaires [0] - Permalien [#]
15 mars 2008

preghiera della settimana santa

Insegnaci, Signore, a condividere il nostro pane. Il pane bianco dei nostri sogni, il pane nero dei nostri limiti, il pane duro delle sconfitte, il pane forte della speranza. Con i migranti o con qualsiasi uomo della terra, insegnaci, o Padre, a condividere da fratelli. O Cristo, tu che hai superato ogni frontiera della morte e della vita, dell’odio e dell'amore, donaci la forza di superare le nostre frontiere. Quelle dei nostri egoismi o delle nostre... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 09:23 - Commentaires [0] - Permalien [#]
11 mars 2008

domenica 13 aprile: giornata delle vocazioni

lettera a un giovane     Carissimo, ti scrivo perché sei giovane. Scusami, se mi permetto di prendere un po’ del tuo tempo, della tua libertà. È per pensare insieme all’avvenire, che ti attende. Ma, anche, all’avvenire del mondo, in cui viviamo. Tu sei intelligente, forte, sensibile. Desideroso di camminare nella vita, di andare avanti, lontano... chissà dove. Ansioso, giustamente, di vivere da protagonista. Stai facendo i tuoi studi, forse universitari. La tua vita... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 15:45 - Commentaires [0] - Permalien [#]
08 mars 2008

elogio della tua differenza

In principio era il ritmo: differenza di notte e di luce, di silenzio e di parola, di movimento e di pausa, che ti fa vivere. Di lavoro e di riposo, come Dio stesso ti ha insegnato, che ti farà amare la vita. Ad immagine di Dio sei stato creato e a sua differenza. Se Lui è creatore, tu sarai creativo: non lo puoi ormai piu' dimenticare, senza tradire la tua origine. La differenza dirà la tua originalità, che attende inconsciamente di aprirsi agli altri, e che gli altri, inconsciamente,... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 21:50 - Commentaires [0] - Permalien [#]
01 mars 2008

1°giugno 2008: beato G.B. Scalabrini

Ricordando il "padre dei migranti": Mons. Giovanni Battista Scalabrini E venne un uomo. Il suo nome era a molti sconosciuto. Amo' Piacenza e la sua diocesi, in opere e in parole. Amava la gente, la vita, la sua povertà e i problemi che la accompagnavano. Ma con il cuore amo' coloro che se ne andavano... Perseguitati dalla miseria. Da quel bisogno inarrestabile di essere uomini. Partivano in massa dalla propria terra. E migravano. Non come nel cielo gli uccelli. Nè come nell'aria un turbinio di foglie. Neppure... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 23:17 - Commentaires [0] - Permalien [#]