gli_altri

Imparare dall’altro

 

Bateau-cible. Una parola francese composta ha preso ormai un senso semplice, bello e familiare per i nostri giovani. “Nave-bersaglio” potrebbe essere la traduzione. Con i giovani abbiamo imparato a coniugare questo termine in tutti i modi possibili.

Veramente, per loro è qualcosa di più di una semplice parola: una bella prova di intelligenza e di comunione. Così, se c’è un progetto da lanciare, un documento da preparare, un’iniziativa da mettere in piedi... ecco che qualcuno del gruppo ne viene incaricato. Vi metterà ogni energia e sforzo possibile per farlo e presentarlo a tutti. Poi, sa bene a quale destino andrà incontro: il suo lavoro sarà investito da una vera battaglia navale!

Tutti i giovani, infatti, saranno invitati a “sparare” il proprio parere, a manifestare il proprio punto di vista, senza paura e senza risparmio. “Ci vorrebbe questo termine... il testo è troppo lungo... non si può concludere così... l’iniziativa merita un’altra presentazione!”

In fondo, il meccanismo è semplice: un progetto costruito dalle mani di uno si fa pietra miliare per ottenere con l’apporto di tutti un bel prodotto comunitario. Alla fine, infatti, rimangono stupefatti del miracolo. Ed è come un monumento del medioevo, dove uomini di ogni arte, sensibilità e competenza innalzavano un capolavoro della comunione: una cattedrale.