la parabola dell’accoglienza

 

 

 

Ho vissuto la giornata mondiale dei migranti in un’accogliente parrocchia veneta provenendo da una metropoli, ora prima linea di combattimento dell’emigrazione dei nostri giovani italiani

 

 

Partito dalla multiculturale e stressante Londra, dove vivo in una parrocchia italiana animata anche da una comunità  di portoghesi e di filippini, ho atterrato qualche giorno fa nel bel territorio trevigiano. Mi sono trovato in una chiesa parrocchiale dal campanile slanciato accanto a un castello signorile dall'aspetto antico e dalle superbe mura merlate: Roncade. Ho celebrato, allora, con don Filippo e il parroco don Valeriano la messa della giornata mondiale dei migranti.


clicca per continuare