11 mars 2008

domenica 13 aprile: giornata delle vocazioni

lettera a un giovane     Carissimo, ti scrivo perché sei giovane. Scusami, se mi permetto di prendere un po’ del tuo tempo, della tua libertà. È per pensare insieme all’avvenire, che ti attende. Ma, anche, all’avvenire del mondo, in cui viviamo. Tu sei intelligente, forte, sensibile. Desideroso di camminare nella vita, di andare avanti, lontano... chissà dove. Ansioso, giustamente, di vivere da protagonista. Stai facendo i tuoi studi, forse universitari. La tua vita... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 15:45 - Commentaires [0] - Permalien [#]

08 mars 2008

elogio della tua differenza

In principio era il ritmo: differenza di notte e di luce, di silenzio e di parola, di movimento e di pausa, che ti fa vivere. Di lavoro e di riposo, come Dio stesso ti ha insegnato, che ti farà amare la vita. Ad immagine di Dio sei stato creato e a sua differenza. Se Lui è creatore, tu sarai creativo: non lo puoi ormai piu' dimenticare, senza tradire la tua origine. La differenza dirà la tua originalità, che attende inconsciamente di aprirsi agli altri, e che gli altri, inconsciamente,... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 21:50 - Commentaires [0] - Permalien [#]
01 mars 2008

1°giugno 2008: beato G.B. Scalabrini

Ricordando il "padre dei migranti": Mons. Giovanni Battista Scalabrini E venne un uomo. Il suo nome era a molti sconosciuto. Amo' Piacenza e la sua diocesi, in opere e in parole. Amava la gente, la vita, la sua povertà e i problemi che la accompagnavano. Ma con il cuore amo' coloro che se ne andavano... Perseguitati dalla miseria. Da quel bisogno inarrestabile di essere uomini. Partivano in massa dalla propria terra. E migravano. Non come nel cielo gli uccelli. Nè come nell'aria un turbinio di foglie. Neppure... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 23:17 - Commentaires [0] - Permalien [#]
06 février 2008

Sahara: lettera dal deserto

"Vai, che sarà bellissima ! " mi fa Père Jean-Pierre, priore dei trappisti, sorridendo, sicuro di sè. Sí, sarà vero. L’esperienza di una settimana nel deserto, in pieno Sahara, nella casbah di Ibrahim, grande amico del monastero, sarà indimenticabile. Chi mi aveva messo l’idea era Don Matteo, parroco a Fès, che ci va otto giorni ogni anno… un abbonamento. É per « pregare Dio », mi raccomanda di dire loro, al telefono. Formula magica. Dopo quattro ore su un bus sgangherato fino a Erfoud, ai bordi del deserto, mi... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 06:56 - Commentaires [0] - Permalien [#]
31 janvier 2008

Bose: comunità ecumenica e monastica

bose: un'oasi tra cielo e terra un’oasi tra cielo e terra Su una collina. Lungo la serra morenica, tra Biella e Ivrea, ai piedi delle montagne piemontesi, imbiancate in questi giorni di neve. Una chiesa, un gioiello d’arte romanica popolaresca del X secolo, conosciuto in tutta la regione. Poi, il paese tutt’attorno nel ‘300 emigró sulla cresta della collina. Luogo piú sicuro, a un chilometro di distanza. Restó sul posto la chiesa solitaria, abbandonata,... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 12:37 - Commentaires [0] - Permalien [#]
07 janvier 2008

dal deserto, una convinzione

dal deserto una convinzione profonda... Il deserto insegna l’essenziale, al di là di ogni cultura, di ogni abitudine o di ogni religione. Insegna ad andare all’essenza della realtà, anzi al cuore stesso dell’uomo per raggiungere, finalmente, il cuore di Dio. L' amore. La' incontri, allora, uomini o donne piú differenti  portati dal soffio del vento del deserto: una forza di amore gratuito e profondo li anima. Una sorgente nascosta e potente in loro. Una vera scoperta per chi sa incontrarli... ... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 22:04 - Commentaires [0] - Permalien [#]
28 novembre 2007

Celebrare 120 anni di Congregazione Scalabriniana

visto dal maghreb il nostro compleanno è… un gesto comunitario Accendere con voi una luce di speranza e di coraggio : la centoventunesima! Ed è, sempre, aprire una porta… un ricordo vivo Ripensare a un nostro vecchio missionario scalabriniano, sopra la montagna di detriti delle miniere – il terril – a coltivare un piccolo orto tra tanti, con altri emigrati. Oltre agli ortaggi, era solito coltivare la parola, la relazione, la compassione,  il senso interculturale e interreligioso... [Lire la suite]
Posté par renatozilio à 19:03 - Commentaires [0] - Permalien [#]
01 juin 2007

avventura di una migrante

il senso del migrare... clicca su   1__giugno foto A.Maira festa di Giovanni Battista Scalabrini, Padre dei migranti
Posté par renatozilio à 10:48 - Commentaires [0] - Permalien [#]